Red - Associazione Incontro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Red è un modello che i lavoratori titolari di trattamenti pensionistici legati al reddito sono tenuti a presentare all'Inps annualmente.


Il RED è una dichiarazione, prevista dalla legge, che deve essere presentata da tutti i pensionati che usufruiscono di alcune prestazioni, il cui diritto e misura, è collegato alla situazione reddituale del cittadino.

Considerato che il reddito costituisce, in genere, un dato variabile nel corso degli anni, gli Istituti previdenziali, per garantire la correttezza delle prestazioni erogate, effettuano la verifica annuale di tali dati, attraverso una apposita procedura, chiamata RED che, attraverso l'indicazione dei redditi posseduti, serve a determinare il diritto del pensionato ad usufruire di tali prestazioni e l’importo delle stesse.

Sono tenuti al Red i pensionati che percepiscono prestazioni collegate all'ammontare dei redditi da questi posseduti e, in alcuni casi, dal coniuge e dai figli. Si tratta, in particolare, delle prestazioni assistenziali (assegno sociale, trattamenti erogati in favore degli invalidi civili, maggiorazioni sociali) e di alcuni trattamenti a carattere previdenziale tra cui l'integrazione al trattamento minimo, l'assegno ordinario di invalidità e la pensione ai superstiti.

L'assolvimento dell'obbligo di comunicazione dei redditi tramite il modello RED.

Sono tenuti ad effettuare la comunicazione dei dati reddituali all’Inps tramite la dichiarazione RED i titolari di prestazioni collegate al reddito che non comunicano integralmente all'Amministrazione  finanziaria (tramite il 730 o il modello Unico) la situazione reddituale incidente sulle prestazioni in godimento perché hanno redditi influenti sulle prestazioni non inclusi tra quelli che devono essere comunicati all’Amministrazione finanziaria in sede di dichiarazione dei redditi (esempio redditi assoggettati ad imposta sostitutiva), ovvero, devono dichiarare redditi in modo difforme da quanto effettuato ai fini fiscali. Ciò si verifica, ad esempio, nel caso di percezione di redditi da collaborazione coordinata e continuativa, indennità di funzione o gettoni di presenza per partecipazione a consigli e commissioni; le pensioni estere; rendite estere; reddito da lavoro autonomo, anche occasionale (per un esame completo non può che rimandarsi alla Circolare Inps 195/2015).

Il modello Red deve essere prodotto anche da coloro che non hanno presentato la dichiarazione dei redditi al Fisco perché titolari solo di un reddito da pensione e da abitazione principale: tali soggetti sono tenuti a dichiarare all’Inps il reddito della casa di abitazione, se rilevante sulla prestazione di cui sono titolari, qualora non abbiano presentato la dichiarazione dei redditi in quanto esonerati dall’obbligo ai fini fiscali. Ancora l'obbligo di dichiarazione deve essere assolto anche da coloro la cui situazione reddituale è mutata rispetto a quella dichiarata l’anno precedente, ancorché non possiedano più altri redditi oltre quelli da pensione (cioè tutte le prestazioni conosciute dall’Istituto in quanto presenti nel Casellario Centrale dei pensionati)

I contribuenti che tenuti a rendere le dichiarazioni reddituali possono farlo tramite il modello Red, secondo una delle seguenti modalità:
a) direttamente, accedendo ai Servizi on line del Cittadino con il PIN dispositivo;
b) tramite il Contact Center;
c) avvalendosi dell’intermediazione dei CAF o degli altri soggetti abilitati convenzionati, di cui al D.lgs. 241/97.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu